Re Nudo

Re Nudo

 

Re Nudo

Re Nudo

 

Collabora con Tra Terra e Cielo

 188 visitatori online

Cerca per Periodo

Cerca un Articolo

COSA FACCIAMO

  • LEGGERE
  • Tra Terra e Cielo INFORMA:
  • - 2 newsletter (L'APpuntalapis e Vie dei Canti), 1 blog e un a-periodico di eventi e notizie nel settore della cultura olistica, del vivere naturale, delle vacanze e del viaggio

  • PARTIRE
  • Tra Terra e Cielo PROPONE:
  • 1 - soggiorni e vacanze al Mare e in Montagna curando l'alimentazione (locale, biologica, vegana, di ispirazione macrobiotica), le attività culturali e conviviali per grandi e bambini, la sostenibilità ecologica.
  • 2 - viaggi a piedi in piccolo gruppo e guidati in Italia e nel mondo. La guida ha sempre una storia da raccontare sull'itinerario.

I cibi più costosi al mondo e il panino da record

E-mail Stampa PDF
Scritto da: Fabio Lepre
ninos-pizza.jpgPuò una pizza costare mille dollari? Sì al Nino’s a New York. Calcolatrice alla mano, la Bellissima costa 33 dollari al morso. A far schizzare in alto il prezzo è la presenza del prelibato caviale. Va ordinata con 24 ore di anticipo e per 125 dollari (circa 92 euro) è possibile gustare anche una sola fetta e soddisfare la curiosità, ma di certo non la fame. Non è nulla in confronto al dessert creato dallo chef Marc Guibert. Per assaporare il dolce, ispirato alle ricercatissime uova di Fabergè, con quattro tipi di cioccolata belga, aromatizzato con una combinazione di pesca, arancio e whisky, tenuti insieme dalla gelatina di champagne, con foglie d’oro a ricoprire la glassa, servono 22mila sterline (circa 25mila euro), diamante da due carati in cima compreso. Allo stato attuale si tratta del dolce più costoso al mondo, ma per entrare nel Guinness dei primati dovrà prima essere comprato da qualcuno. Chi ha queste intenzioni può recarsi al Lindeth Howe Country House Hotel di Windemere in Cumbria.
Anche per mangiare un hamburger, se ci accomodiamo al newyorkese Serendipity, può servire un occhio della testa. Ci vogliono 295 dollari (poco meno di 220 euro) ed è farcito con manzo Kobe, caviale, tartufo e oro commestibile. In questo caso, il ricavato va al Bowery Mission, un’associazione che si preoccupa di offrire pasti gratuiti ai senza dimora di New York.

Ma ci sono record e record...

panino-vegano.jpg


Quello di Roma al Campo de’ Fiori a Roma in occasione della Settimana vegetariana mondiale è invece un record diverso. Si tratta del panino vegano da record più grande della storia: quattro metri e mezzo di lunghezza per cinquanta centimetri di larghezza. Lo hanno realizzato la Lega anti vivisezione e il fast food Universo vegano, specializzato in piatti privi di alimenti di origine animale. Alla base di questa scelta ci sono anche ragioni etiche. Il veganismo promuove il rispetto degli animali e di tutti gli esseri viventi del pianeta, oltre alla prospettiva di una ridistribuzione equa delle risorse alimentari.

Ma quali sono gli ingredienti del panino che è stato consumato nel giro di poche ore? E’ a base di panella di ceci, seitan tonnato, straccetti di soia e lupino. Rispetto a una pietanza tradizionale ovvero con affettati e formaggi, c’è un risparmio di calorie con lo stesso valore nutrizionale. Il record, spiegano i promotori, sta nel numero incredibile di alberi salvati alla distruzione poiché «ogni hamburger comporta la distruzione di cinque metri quadrati di foreste».


Torna Indietro »

consorzio assicurativo etico socialeTurismo Responsabile

Utilizzando il sito accetti implicitamente l'uso dei cookie per migliorare la navigazione e mostrare contenuti in linea con le tue preferenze - Policy - Accetto i cookies