Re Nudo

Re Nudo

 

Re Nudo

Re Nudo

 

Collabora con Tra Terra e Cielo

 235 visitatori online

Cerca per Periodo

Cerca un Articolo

COSA FACCIAMO

  • LEGGERE
  • Tra Terra e Cielo INFORMA:
  • - 2 newsletter (L'APpuntalapis e Vie dei Canti), 1 blog e un a-periodico di eventi e notizie nel settore della cultura olistica, del vivere naturale, delle vacanze e del viaggio

  • PARTIRE
  • Tra Terra e Cielo PROPONE:
  • 1 - soggiorni e vacanze al Mare e in Montagna curando l'alimentazione (locale, biologica, vegana, di ispirazione macrobiotica), le attività culturali e conviviali per grandi e bambini, la sostenibilità ecologica.
  • 2 - viaggi a piedi in piccolo gruppo e guidati in Italia e nel mondo. La guida ha sempre una storia da raccontare sull'itinerario.

Gestire un ostello sul Cammino di Santiago

E-mail Stampa PDF
Scritto da: Monica Fregale

hontanas.jpgCambiare vita, trasferirsi in un minuscolo borgo di 74 abitanti e guadagnarsi da vivere offrendo un letto e un pasto caldo ai pellegrini del Cammino di Santiago. L'opportunità è ancora in corso. Il comune di Hontanas, a circa 40 chilometri da Burgos, nella comunità autonoma di Castiglia e León, sta cercando un gestore per l'ostello di 45 posti. C'è solo da fare in fretta. Le offerte possono essere presentate fino al 2 marzo. La base minima dell'offerta è di 8.000 euro all'anno, la durata del contratto è di due anni, rinnovabile fino a un massimo di cinque anni. Il bando è disponibile in questa pagina.

La popolazione di Hontanas è dunque di 74 abitanti. Un numero che triplica tra marzo e novembre, quando i pellegrini si mettono lungo la strada che porta a Santiago e fanno tappa da queste parti per riposare e mangiare. Per la maggior parte dei camminatori, quella di Hontanas è un passaggio irrinunciabile. Costruito in pietra e con lo status di un sito di interesse storico e artistico, l'ostello è in linea con l'estetica del paese, e attualmente è gestito dai vicini con turni settimanali. L'edificio originario potrebbe essere stato eretto tra il XII e il XIV secolo, in pieno medioevo.

Il Comune l'ha acquistato dall'arcivescovo di Burgos nel 1991 e lo ha messo in sesto tra il 1992 e il 1994. Solo tre anni fa, l'impianto elettrico è stato rinnovato per migliorare l'efficienza energetica. Al suo interno ci sono cucina, forno a microonde, acqua calda, docce, sala da pranzo con camino, telefono, armadietti e Wi-Fi.


RIFERIMENTI:

Il bando per l'ostello



Torna Indietro »

consorzio assicurativo etico socialeTurismo Responsabile

Utilizzando il sito accetti implicitamente l'uso dei cookie per migliorare la navigazione e mostrare contenuti in linea con le tue preferenze - Policy - Accetto i cookies